facebook

BACOLI/Gara di affidamento per il restauro della galleria Cumana: sarà un percorso turistico

Recuperare la vecchia galleria della Cumana, realizzare un nuovo parcheggio e sistemare parte dei collegamenti stradali nel comune di Bacoli per facilitare l’accesso alle aree archeologiche. È quanto prevede la gara per l’affidamento della progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori, bandito da Invitalia nel ruolo di Centrale di committenza per il Parco archeologico dei Campi Flegrei. L’appalto ha un valore di circa 153.000 euro. Per partecipare c’è tempo fino al 21 ottobre 2019. Il recupero dell’ex tracciato della galleria Cumana è il cuore dell’intervento di riqualificazione urbana. Il percorso pedonale, totalmente in galleria, consentirà il collegamento tra la zona portuale di Baia e i resti archeologici delle antiche Terme Romane e, in futuro, con il Casino di caccia del Vanvitelli, il parco annesso, il Colombario del Fusaro e le relative aree di parcheggio.

Due tapis roulant faciliteranno l’attraversamento della galleria nei due sensi di marcia: il visitatore, grazie a proiezioni, immagini e totem informativi, potrà compiere un vero e proprio viaggio nella storia che introduce e anticipa la scoperta del paesaggio archeologico di Baia. È prevista inoltre la progettazione dei lavori per un parcheggio nell’area adiacente l’istituto scolastico “Paolo di Tarso” e per i relativi collegamenti pedonali. Sarà infatti necessario realizzare un attraversamento pedonale protetto su Via Risorgimento e il nuovo tratto di strada pedonale che, dal parcheggio, conduce direttamente al cuore del centro storico, da cui si diramano i percorsi pubblici, pedonali e carrabili verso i siti archeologici.

È inoltre prevista la sistemazione dei percorsi principali del centro storico attraverso una serie di itinerari tematici alla scoperta di Bacoli e dei siti archeologici della Piscina Mirabilis e della Tomba di Agrippina. Gli interventi per l’area di Bacoli si inseriscono in un più ampio programma per il recupero e la riorganizzazione del sistema della mobilità, dell’accessibilità e della fruizione dei siti del Parco archeologico dei Campi Flegrei, che coinvolge anche Giugliano, Pozzuoli e Monte di Procida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *