facebook

BACOLI/Pesca di frodo: sequestrati 1000 metri di rete abusiva

Attività di Polizia Marittima contro la pesca di frodo con attrezzi non consentiti. Sanzioni per circa 1000 euro –Sequestro di circa 50 Kg. di pescato e tre reti da pesca tipo “da posta” per un totale di circa 950 metri lineari.

Nell’ambito dei controlli dell’Ufficio Locale Marittimo Guardia Costiera di Baia inerenti l’attività di vigilanza pesca, nel fine settimana, personale di questo Comando e della dipendente Motovedetta CP 711 coordinati dal superiore Ufficio Circondariale Marittimo di Pozzuoli, nell’ambito dell’attività di controllo pesca e nello specifico dell’attività di vigilanza contro la pesca di frodo da parte di diportisti che sprovvisti di alcuna licenza di pesca utilizzano attrezzi non consentiti, al termine di un attività di indagine di polizia giudiziaria, hanno sequestrato circa 800 metri di reti da posta tipo tramaglio, in località pontile di Torregaveta, ad ignoti, per i quali sono ancora in corso indagini al fine di identificare la loro identità.

Questa attività, fa seguito ad un altro sequestro di una rete da posta di circa 150 metri effettuato dal personale dipendente nelle acque antistanti il porto di Baia, la scorsa settimana, e ad una sanzione amministrativa di circa 1000 euro ed il sequestro di circa 50 Kg. di pescato, effettuata a carico di una persona di Pozzuoli, che a bordo del suo natante utilizzava un palangaro con circa 500 ami, non a norma con la normativa in materia di pesca sportiva.

Le operazioni condotte da questo Comando, hanno evidenziato un fenomeno di pesca abusiva, altresì pericoloso per l’immissione nella filiera della pesca di pescato non controllato privo di ogni tracciabilità e destinato sul mercato nero al consumo.

Per quanto sopra evidenziato, nei prossimi giorni si intensificheranno le attività di vigilanza, sia via mare a bordo delle Motovedette, che via terra presso pescherie, ristoranti, e punti di smistamento, per tutto il litorale del Comune di Bacoli, al fine di assicurare una capillare vigilanza su tutta la filiera della pesca.

Comunicato stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *