facebook

BACOLI/Centenario bacolese: “Uno contro zero”, la storia straordinaria del pallanuotista Enzo D’Angelo rievocata al Liv di Pozzuoli

“Uno contro zero”, la storia straordinaria del pallanuotista Enzo D’Angelo rievocata al Liv di Pozzuoli il 10 settembre

Geremia Longobardo

Enzo D’Angelo, campione italiano di pallanuoto, sarà l’anima rediviva di “Uno contro zero”, lo spettacolo teatrale che debutterà il 10 settembre 2019, ore 20.30, al Liv Eventi di Pozzuoli.
Ancora una volta sport e teatro, spirito olimpico e tragico, si fondono in un’alchimia di suggestioni. “Uno contro Zero”, monologo teatrale, è un omaggio al mito, al simbolo e alla leggenda di un campione caduto nei meandri della dimenticanza da morto e, forse, anche da vivo. Il titolo ammicca al duello tra l’attaccante in controfuga e il portiere, frangente di estrema solitudine per un pallanuotista in gara. A riportare in vasca Enzo D’Angelo sarà l’attore ed ex pallanuotista Geremia Longobardo, che presterà voce e volto al racconto di vita dell’atleta, dalla nascita a Baia alla morte prematura a Parigi. Sullo sfondo della scrittura uno spaccato di storia italiana. Ad avvincere sarà la bellezza. “Nell’anno del centenario bacolese ho pensato di “ri-evocare” la storia di un mito della terra del mito e nella terra del mito. Raccontare uno sport figlio di un dio minore. Io ho giocato a pallanuoto da ragazzo – afferma Geremia Longobardo – e da tempo pensavo a come unire questo sport così difficile affascinante, uno sport che si gioca in due dimensioni: nell’ acqua e fuori….ad una forma teatrale. L’idea nasce da Mario Cutolo e me, noi siamo stati compagni di squadra di pallanuoto al Play Off. Scritto da Franco Cossu sulla base di interviste fatta alla famiglia (a cui vanno i nostri più sinceri ringraziamenti) agli amici, ai suoi compagni di squadra. La regia è di Rosario Giglio, che va diretta al cuore, senza retorica e momenti di sola commemorazione”

Enzo D’Angelo, scomparso il 6 febbraio del 2008 a soli 57 anni, ha vinto 5 scudetti (uno da allenatore) e una Coppa dei Campioni con la Canottieri Napoli. Con la nazionale, l’argento olimpico a Montreal ’76 e il bronzo mondiale a Calì ’75. Ha giocato anche con la R.N. Napoli e ha allenato Vomero, Recco, Catania e Fiorentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *