Le dichiarazioni del sindaco Della Ragione hanno animato un interessante dibattito sul futuro dei collegamenti tra le isole e la terraferma

Le parole di Josi Gerardo Della Ragione, sindaco di Bacoli, hanno dato il via a un vero e proprio valzer di ipotesi, anche se adesso ancora di concreto non c’è nulla. Non si sa se il pontile appena consegnato alla Regione Campania potrà consentire lo scalo di traghetti, aliscafi o motonavi. Da ciò partirebbe poi l’eventuale interesse delle compagnie marittime per ristabilire una via del mare che avvicinerebbe e di non poco le isole alla terraferma, con una serie di vantaggi davvero notevoli, soprattutto per gli isolani.

«Al momento come eventuale porto di destinazione – dichiara il tenente di Vascello Andrea Meloni, comandante della Guardia Costiera di Ischia – non siamo stati ancora interessati. È noto che il porto di Ischia è già oggetto, soprattutto in estate, di un traffico marittimo molto sostenuto e come autorità Marittima stiamo lavorando da tempo per una razionalizzazione degli orari. Per tale ragione i collegamenti, di cui non si conosce al momento con quale tipologia di nave, dovranno andare ad interessare le poche fasce orario attualmente non occupate dai restanti vettori». Dalla compagnia Alilauro negano l’interesse per quella che è considerata una tratta poco interessante, che avrebbe poco appeal per via della difficoltà di raggiungere Bacoli da Napoli, e viceversa. Inoltre, il pontile di Torregaveta è molto esposto ai venti di maestrale, il che potrebbe tradursi in una frequente sospensione del collegamento. La compagnia continuerà invece a collegare, con il servizio Archeolinea, già metro del mare, l’intera area flegrea con Napoli, Sorrento e la Costiera amalfitana: il servizio è in crescita e risponde alla richiesta dei turisti, in particolare in alta stagione, legata anche alla crescita del Museo archeologico dei Campi Flegrei e del parco sommerso di Baia.

Nicola Lamonica dell’Autmare accoglie con entusiasmo la possibilità di dare inizio a una nuova via del mare. «L’intermodalità ne gioverebbe – ricorda il professore – riuscendo così ad avere un’opportunità in più per muoversi da e per le isole. Invito il sindaco Josi Gerardo della Ragione a una conversazione con me e Giuseppe Giaquinto di “Procida in Movimento” per individuare un piano orari consono alle esigenze della cittadinanza delle isole e dei viaggiatori del mare che intendono raggiungere le isole. Un modo per cogliere l’occasione di rendere i trasporti tra Ischia, Procida, Capri e la terraferma più comodi e vicini alle esigenze di chi viaggia.

Fonte: ilgolfo24.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here