facebook

BACOLI/La Guardia Costiera libera Marina Grande da ormeggi abusivi e imbarcazioni – FOTO

Effettuato un Sequestro di numero 20 “Corpi Morti” (massi in cemento completi di gavitelli) per ormeggio abusivo di natanti

Operazione di Polizia Giudiziaria per ormeggi abusivi in Bacoli. Effettuato un Sequestro di numero 20 “Corpi Morti” (massi in cemento completi di gavitelli) per ormeggio abusivo di natanti ed imbarcazioni in località Marina Grande nel Comune di Bacoli. Nell’ambito dei controlli della Guardia Costiera di Baia nell’attività di vigilanza e polizia marittima. In data 06.08.2019, gli uomini dell’Ufficio Locale Marittimo Guardia Costiera di Baia con la collaborazione del 2° Nucleo Subacqueo Guardia Costiera di Napoli e l’ausilio della dipendente Motovedetta CP 711 coordinati dal superiore Ufficio Circondariale Marittimo di Pozzuoli nell’ambito dell’attività Mare Sicuro 2019 disposta dalla Direzione Marittima della Campania, al termine di un attività di indagine di polizia giudiziaria, hanno sequestrato in località Marina Grande nello specchio acqueo antistanti le spiagge libere 20 “corpi morti” costituiti da massi di cemento, completi di gavitelli cime e catenarie per ormeggio abusivo di natanti ed imbarcazioni da diporto che occupavano illecitamente spazio di demanio marittimo libero. Nel corso delle operazioni sono stati rimossi dal personale subacqueo della Guardia Costiera di Napoli anche numerosi pericoli derivanti da spuntoni di ferro, cerchioni di ruote di macchine ed altri materiali, che persone senza scrupoli hanno nel tempo riversato nello specchio di mare in argomento. Il materiale di cui sopra è stato prontamente rimosso dall’Amministrazione Comunale di Bacoli tramite la Ditta autorizzata. L’operazione, condotta da questo Comando, ha permesso di liberare da ormeggi abusivi ed occupazione di demanio marittimo pubblico, circa 6000 metri quadri di specchio acqueo e 300 metri quadri di spiaggia libera in località Marina Grande, restituendole ai cittadini di Bacoli ed ai turisti. L’attività in parola, è stata oggetto di comunicazione di notizia di reato inviata alla competente Procura della Repubblica di Napoli, e rimane al momento a carico di ignoti con attività d’indagine ancora in corso da parte di questo Ufficio Locale Marittimo.

Comunicato stampa Ufficio Locamare di Baia – Comandante Paolo Rinaldi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *