Continuano senza sosta i roghi su tutto il territorio bacolese. La cittadinanza è sfinita da questi continui fuochi che sono alimentati ad ogni ora del giorno. Talvolta cittadini irresponsabili bruciano anche plastiche assieme alle sterpaglie rilasciando cattivi odori nell’aria.

Al fine di prevenire questi incendi il sindaco di Bacoli Josi Della Ragione aveva firmato una ordinanza ad hoc. Il provvedimento, delineato con la polizia municipale, vieta fino al prossimo 30 ottobre – in prossimità di boschi e terreni agrari del territorio comunale – accendere fuochi; usare apparecchi a fiamma libera o elettrici che producono faville; fumare o compiere altra operazione che possa generare incendio; abbandonare rifiuti; accendere fuochi di artificio. Per quest’ultimo punto, l’attività pirotecnica è consentita su richiesta di autorizzazione, attestando il supporto di mezzi e squadre Antincendi boschivi che controllano l’area. Fondamentale anche il diserbo di aree agricole non coltivate, terreni incolti e aree a verde, i cui proprietari sono invitati ad intervenire per una periodica manutenzione. Per chi non osserva il dispositivo scattano sanzioni: nel caso di procurato incendio, le multe possono oscillare da 1032 euro a 10.329 euro. Per chi non cura il diserbo delle aree incolte, multe da 169 a 679 euro. Prevista anche una denuncia all’autorità giudiziaria per coloro che non osservano l’ordinanza in vigore fino al 30 ottobre. A margine del provvedimento alcune linee guida: in caso di incendio, oltre a prestare la propria opera, i cittadini devono contattare i vigili del fuoco, gli agenti di polizia municipale, i carabinieri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here