Dieta rapidissima: Come perdere 5 kg in 1 mese

Dieta rapidissima: Come perdere 5 kg in 1 mese

Ci si chiede spesso di come sia possibile perdere i chili in più che ci tormentano in poco tempo. L’obiettivo di perdere 5 kg in un mese è complicato ma non è impossibile. Quei 5 chili che ci portiamo appresso da anni e non riusciamo a metter via. Non sembrano tanti ma sono fastidiosissimi da togliere.

Come si sa una buona dieta non produce molti risultati se non viene abbinata a un costante esercizio fisico. Così come l’esercizio fisico se non abbinato a un regime alimentare controllato non porta alcun vantaggio per la perdita di peso.

Il traguardo di perdere 5 kg in un mese può essere raggiunto con una discreta facilità se si pensa che si tratterebbe di perdere poco più di un chilo a settimana.

Ecco alcuni consigli per perdere 5 chili in un mese.

Prima di tutto, riduci l’apporto calorico giornaliero. Assumere un numero minore di calorie è il primo passo per dimagrire, purché si continui comunque a seguire un’alimentazione completa di tutti i nutrienti essenziali. L’apporto calorico giornaliero andrebbe diminuito di circa 500-1000 calorie, ma dipende molto dalle nostre abitudini alimentari e dal peso corporeo. Tieni sempre presente che una donna deve assumere almeno 1200 calorie al giorno e scendere al di sotto di questa soglia può diventare pericoloso. Comincia quindi con il calcolare l’ammonto di calorie di ogni cibo che inserisci, segnandolo su di un diario alimentare, in modo da poterlo tenere sotto controllo giorno dopo giorno.

La seconda regola è quella di variare il più possibile gli alimenti che assumi. Mangiare cibi sempre diversi aiuta parecchio il metabolismo a velocizzarsi e rende anche più facile seguire una dieta equilibrata senza annoiarti troppo, spingendoti poi a sentire di più i morsi della fame…

Non mangiare mai fuori pasto e non saltarne mai uno! E’ importante che tu consumi sempre tre pasti principali (colazione, pranzo e cena), uno spuntino a metà mattina e una merenda a metà pomeriggio, niente di più e niente di meno. Spuntino e merenda devono essere consumati circa 3 ore dopo o prima di un pasto principale, in maniera tale da tenere il metabolismo in allenamento ed evitare che si alzi la glicemia.

Un’altra regola fondamentale è quella di cucinare nel modo più semplice possibile. No alle fritture: preferisci sempre bollire, grigliare o cuocere al vapore. No anche ai cibi già pronti che contengono conservanti, grassi idrogenati e altri ingredienti per nulla sani. Ogni volta che puoi, scegli la cucina casalinga! E per evitare tentazioni o scelte sbagliate dell’ultimo minuto (dovute magari a mancanza di tempo), pianifica in anticipo quello che intendi mangiare il giorno successivo. Puoi anche prepararlo già, metterlo in congelatore e tirarlo fuori al mattino… a quel punto sarai costretta a consumarlo!

Per cucinare, usa meno sale possibile: peggiora la ritenzione idrica e ti gonfia! Sostituiscilo con qualche spezia o erba aromatica: sono saporite, profumate e non contengono calorie! Per condire, poi, utilizza sempre e solo olio extravergine d’oliva, come dieta mediterranea comanda: sempre crudo, mi raccomando, e non più di un cucchiaino a pasto!
Le porzioni, ovviamente, devono essere ridotte: per la pasta non più di 80 grammi, per la carne non più di 150. I piatti all’inizio ti sembreranno piccoli, ma ci farai l’abitudine! E ricorda, poi, che gli alimenti vanno sempre pesati crudi.

Mangia lentamente e masticando come si deve: un pasto principale non deve durare meno di mezz’ora! Non soltanto in questo modo gusterai di più il cibo che stai ingerendo, ma faciliterai anche la digestione, processo che inizia già nella bocca.
 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *