Il direttore del torneo olandese Krajicek sorpreso ed entusiasta

Mentre tutto il mondo del tennis si sta concentrando sui fatti di Melbourne e sulle grandi difficoltà che le restrizioni hanno portato a poche settimane dal primo slam dell’anno, c’è chi sta già preparando il proseguo della stagione e pianificando i dettagli in attesa della ripresa del circuito europeo.

Nello specifico Richard Krajicek, ex tennista e attualmente direttore del torneo di Rotterdam, che si terrà a febbraio, ha incominciato a sponsorizzare il proprio evento sottolineando il parco giocatori che vi prenderà parte.

Una delle certezze dovrebbe essere la presenza del numero due del mondo e venti volte campione slam Rafael Nadal, ora impegnato nella campagna australiana, che si concretizzerà con la sua partecipazione all’ATP Cup prima e all’Australian Open poi.

Krajicek si è detto sorpreso della possibile adesione del campione spagnolo al torneo olandese, ma al tempo stesso entusiasta che Rafa possa inserirsi come punta di diamante in una lista di giocatori di altissimo livello, tra cui Daniil Medvedev, Andrey Rublev, Gael Monfils, Roberto Bautista, David Goffin, Jannik Sinner e Stan Wawrinka. Ma non solo, infatti le voci corrono e alcune parlano di un possibile tentativo di trovare un accordo con Roger Federer, anche se in questo caso la decisione del tennista elvetico dipenderebbe in gran parte dalla sua forma fisica, ancora imperfetta dopo le operazioni.

Tornando a Rafa Nadal, come detto, il direttore di Rotterdam non ha nascosto la sua meraviglia relativamente alla scelta del maiorchino, specialmente, come sottolineato dallo stesso Krajicek, perché negli ultimi anni non aveva mai scelto di giocare nei tornei indoor in Europa, a cui aveva preferito altre località e altre superfici in Sud America. Rafa inoltre parteciperebbe soltanto per la terza volta all’evento olandese, in cui ha raggiunto anche una finale, nel 2009, quando è stato sconfitto da Andy Murray. Qualora il parco giocatori fosse confermato, il torneo di Rotterdam acquisterebbe un appeal assolutamente invidiabile, a cui però si contrapporrebbe probabilmente uno stadio senza pubblico e dunque pochi introiti economici, motivo per il quale le conferme nel mondo del tennis sono sempre soggette a revisioni e contrattempi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here